qmd® combinati laser-cryo-thermal

Un sistema completo di laser e cryo-thermal. I laser qmd® riescono a erogare le modalità: onda continua, onda pulsata, onda superpulsata, ed inoltre qmd® harmonic pulsation. Per cui gli apparecchi qmd® non producono solo effetti analgesici ma anche effetti antinfiammatori, antiedemigeni, biologici/biostimolanti e decontratturanti.

La terapia del freddo è la metodica riabilitativa più diffusa nel Nord-Europa. Con qmd® cryo-thermal è possibile generare l’effetto crio (ipotermia da -15 °C fino a +15°C), l’effetto termo (ipertermia da +30 °C fino a +45 °C) e lo shock termico (la temperatura scende in breve tempo di 30 °C).

La combinazione tra i laser qmd® e la qmd® cryo-thermal permette di potenziare gli effetti antiinfiammatori, miorilassanti, drenanti e analgesici.

laserterapia

Il laser è una sorgente di radiazione elettromagnetica luminosa.
La terapia con laser si fonda quindi sulla possibilità di fornire ai tessuti energia elettromagnetica in forma di fotoni, con riconosciuti effetti terapeutici:

  • antinfiammatorio sulle articolazioni e sui muscoli;
  • analgesico sulle fibre nervose;
  • biostimolante e rigenerativo sui tessuti molli e connettivi;
  • vasodilatatore sul microcircolo (migliora quindi la circolazione periferica);
  • antiflogistico e antiedemigeno (si ottiene il pronto riassorbimento dei mediatori dell’infiammazione e di eventuali raccolte di liquido).

La laserterapia viene utilizzata per la cura delle seguenti patologie:

  • artrite reumatoide;
  • dolori cervicali;
  • dolori articolari;
  • sindrome del tunnel carpale;
  • lombalgie;
  • osteoartrite;
  • artrosi.

crioterapia e termoterapia

La crioterapia è una terapia fisica mediante il freddo e viene utilizzata nel trattamento di:

  • traumi recenti: la vasocostrizione indotta dal freddo impedisce l’espandersi dell’edema;
  • postumi di traumi: il freddo diminuisce la percezione del dolore, la contrattura muscolare riflessa e l’edema post-traumatico;
  • borsiti, artrosinoviti, tendinite: il freddo esercita un’azione antiflogistica e antalgica;
  • artropatie infiammatorie: il freddo esercita un’azione antinfiammatoria utile nelle malattie reumatiche a impronta infiammatoria.

La termoterapia invece è una terapia fisica mediante il calore. Il calore aumenta il flusso sanguigno, favorisce l’eliminazione delle scorie accumulate nei tessuti, incrementa l’ossigenazione, accelera tutte le reazioni biochimiche dell’organismo e ha un effetto analgesico e miorilassante.

La termoterapia viene utilizzata nel trattamento di:

  • contusioni, distorsioni, borsiti, strappi e stiramenti muscolari;
  • sindromi vertebrali con contratture muscolari;
  • spasmi causati da affaticamento muscolare perché favorisce l’eliminazione dell’acido lattico accumulato nel muscolo;
  • preparazione all’esercizio fisico per la fase di riscaldamento muscolare;
  • preparazione all’esecuzione di esercizi fisioterapici.

shock termico e contrast therapy®

Le patologie curabili con lo shock termico sono:

  • artriti reumatoidi e malattie infiammatorie in genere;
  • lombalgie;
  • osteoartriti;
  • problemi muscolari;
  • lesioni acute;
  • convalescenza post operatoria.

La contrast therapy® è una terapia fisica che consiste nell’applicazione di cicli di caldo e freddo e trova elettiva indicazione nel trattamento di edemi, algie, contratture muscolari, infiammazioni a carico di legamenti, aponeurosi e periostio.

news